Android 14 potrebbe bloccare le app che prendono di mira versioni obsolete del sistema operativo.

Secondo una modifica delle linee guida, Android 14 dovrebbe bloccare l’installazione di app che prendono di mira versioni obsolete del sistema operativo di Google. L’obiettivo sarebbe quello di ridurre le possibilità che il malware raggiunga il dispositivo dell’utente. Questa modifica renderà i requisiti API più vincolati impedendo alle persone di aggiungere manualmente vecchie app tramite il file APK, ad esempio.

Le linee guida di Google invitano gli sviluppatori di app a mantenere sempre aggiornati i loro prodotti per monitorare la sicurezza e utilizzare le funzionalità più recenti della piattaforma. Cioè, esiste un livello API minimo richiesto per coloro che desiderano rilasciare il proprio software nel Play Store.

La novità di Android 14 è stata presentata in una modifica del codice. Bloccherebbe completamente l’installazione di applicazioni obsolete, tramite file APK o contenuti datati, ma che l’utente “ha già installato in precedenza”.

Sembra che l’impedimento si verificherà specificamente per i programmi destinati alle versioni precedenti delle unità organizzative. Tuttavia, Google prevede di aumentare progressivamente questo raggiungendo Android 6.0 (chiamato anche marshmallow) alla fine.

È chiaro che l’intenzione qui è prevenire la diffusione di malware. Questo perché è comune imbattersi in applicazioni che forniscono questo tipo di virus e si concentrano su versioni precedenti di Android per aggirare la sicurezza.

Dal momento in cui il gigante della ricerca blocca questa possibilità, le possibilità di contaminazione diminuiscono.

Android 14 potrebbe supportare NTFS
Con il lancio previsto per il terzo trimestre del 2023, la nuova versione del sistema operativo mobile di Google dovrebbe portare funzionalità interessanti.

Uno è la capacità di supportare nativamente lo standard di Windows. In questo modo, sarebbe possibile utilizzare unità flash esterne o HD con partizioni montate in NTFS su Android 14, cioè sul telefono cellulare. Questa novità sarebbe di grande valore per gli utenti, specialmente quelli che hanno grandi quantità di file.

Un’altra caratteristica che sarebbe gradita è una forma di aggiornamento over-the-air (OTA) che potrebbe creare una nuova autorità di certificazione sullo smartphone. Pertanto, i dispositivi gateway avrebbero la loro capacità di connessione Internet estesa, aumentando la loro durata.

Naturalmente fino al rilascio ufficiale di Android 14, molto dovrebbe accadere, portando nuovo buzz e attirando l’attenzione degli utenti.